Creazione

01

IL BOSCO MAGICO

“Oh i bei rami d’ulivo! chi ne vuole? Son benedetti, li ha baciati il sole. In queste foglioline tenerelle vi sono scritte tante cose belle. Sull’uscio, alla finestra, accanto alletto metteteci l’ulivo benedetto! Come la luce e le stelle serene: un po’ di pace ci fa
tanto bene.”
(Giovanni Pascoli)

L’olivo, fin dall’antichità, è stato considerato simbolo di pace da tutte le popolazioni, di oriente e di occidente. Secondo una leggenda, fu la dea Atena a piantare il primo albero di ulivo trasformando così questa pianta di natura selvatica in una pianta di coltivazione; ebbe così vita l’oliveto.

Oggi ci impegniamo a custodire il nostro, oasi di pace e di ricordi familiari. E’ lì, in armonia con il cielo e con l’ambiente che ci circonda, seguendo le stagioni e le buone tecniche colturali, che curiamo le sacre piante. Frantoio, Leccino, Moraiolo e Morcona sono i loro nomi e tra potature, concimazioni e tanto impegno, ci gustiamo la loro crescita, i loro frutti e l’amato olio. Ma soprattutto il nostro sguardo ed il nostro sostegno và verso quanti in Umbria, in Italia e fuori dai confini si impegnano per un’agricoltura buona, sostenibile ed in armonia con l’ambiente. Favoriamo quanti si impegnano in progetti di colture responsabili ed etiche e con loro ci impegniamo verso i nostri Clienti.

02

OLEUM MOLENDINI

LA SPREMITURA DELLE MERAVIGLIE​

Dalle olive all’olio: ogni anno, tra Ottobre e Novembre (da noi come in tutto il bacino del mediterraneo) si rinnova il miracolo della spremitura. Qui avviene la vera manifattura artigianale: competenza, professionalità ed esperienza si mixano per ottenere un risultato perfetto, a basse temperature. Il lavaggio delle verdi drupe, la granolatura – ovvero il rimescolamento della pasta di olive – ed infine la spremitura – che consiste nell’estrazione dell’olio di oliva – sono tutti passaggi che avvengono all’interno del frantoio.

03

GLI ASSAGGI ESPERENZIALI

L’assaggio dell’olio è il momento in cui la sua personalità si manifesta. I nostri sensi, vista, olfatto e gusto ci aiutano a riconoscere le sue bontà (fruttato,amaro, piccante…) e il suo sapore. Degustare l’olio è un’esperienza sensoriale unica che richiede un elevata sensibilità e metodo. 

Il Panel Test è un esame organolettico, introdotto dal Reg. (CE) n.2568/91, che ha il compito di valutare la qualità dell’olio.

Nel dettaglio, il panel è un gruppo di assaggiatori (da un minimo di 8 ad un massimo di 12) preventivamente selezionati e addestrati da un esperto detto capo panel, che coordina ed ha la responsabilità del funzionamento del gruppo. Ogni membro del gruppo esegue l’assaggio dell’olio sfruttando gli organi sensoriali e valutando le caratteristiche organolettiche quali odore, sapore e colore. 

Alla fine dell’analisi sensoriale, ciascun assaggiatore compila la relativa scheda ed esprime un giudizio sulla presenza ed intensità di pregi (fruttato, amaro,piccante) e difetti (rancido, muffa, riscaldo, avvinato, metallico).


04

LA CUSTODIA DELL’OLIO

La conservazione dell’olio è quel tempo in cui si custodiscono le sue caratteristiche e le sue generose sostanze nutritive. L’olio si “nasconde” dalla luce e dall’aria per trovare la sua magnifica identità. Ogni movimento è determinante ed essenziale. La luce ed una temperatura troppo alta o troppo bassa generano la perdita di importanti sostanze antiossidanti come i polifenoli, mentre l’aria a contatto con l’olio provoca il suo irrancidimento. Per questo abbiamo scelto di custodire il nostro olio in grandi serbatoi in acciaio inox, proteggendolo con la massima sicurezza da ogni rischio e pericolo.

05

la purificazione

Questo verde mosto d’olio, appena estratto a freddo, e stoccato in silos d’acciaio, dopo qualche giorno viene travasato di nuovo.
Questo processo detto decantazione è utilizzato sin dall’antichità, ma oggi come allora, è comunque efficace e permette di ottenere un’olio extra vergine di oliva velato, con un possibile leggero deposito nel fondo del contenitore.  Si tratta di un naturale sedimento di micro particelle di polpa di olive.


Oppure, per avere un olio più limpido e cristallino si effettua una filtrazione con un filtro in acciaio inox.
L’olio attraversa dei fogli di cellulosa (e per questo motivo è detto filtro a cartone) che “purifica” il mosto d’olio.


Oppure, l’olio ancora grezzo viene filtrato con moderni filtri a farine fossili, che ci regalano un olio estremamente limpido e lucente. Avremo quindi la possibilità di gustarci un olio in maniera integrale – non filtrato – oppure velato – attraverso la decantazione – od ancora limpido e brillante – filtrazione a cartone o a farina.

06

la vestizione

Un olio buono, protetto da un elegante bottiglia scura e da un’etichetta che rievoca ciò che siamo. La veste, nei racconti biblici, è simbolo di identità e indica ciò che si ha nel cuore. Trasmettiamo il nostro amore e la nostra passione per l’olio attraverso il miglior “strumento”: l’etichetta. Ed è così che abbiamo pensato ad un colore viola per il nostro Olio Extra Vergine di Oliva Italiano. “…..e quell’etichetta viola?” ci dicevano, “perché è il colore della drupa quando la apri, è il richiamo complesso ed arcaico della polpa d’olive..”. Nei nostri manufatti l’innovazione si unisce alla manualità per dar veste al nostro adorato olio. Un esempio, il Jeroboam, dove la manualità è centrale e caratterizzante in tutta la sua forma: dalla capsula, etichette, scatola, tutto perfezionato da mani esperte.

contattaci